#thesleepyhamlet

giovedì 9 novembre 2017

SCOZIA: UN'ESTATE DA LIBRAIE - GIORNO 1

La cosa che adoro, nei miei amici, è la capacità che hanno di farmi sognare.

-Daniel Pennac, Signor Malaussène (1995)





THE OPEN BOOK

Il lunedì mattina la libreria ci si presenta così: incantata.
Apriamo alle 10:00, seguendo il consiglio di George e lo standard dei negozi del paese.
Impaurite e impreparate, accogliamo il primo cliente che, come nella migliore delle ipotesi, entra alle 10:01; saluta e si dirige verso un luogo preciso; dev'essere un habitué. Ah, che fortuna. 
Sospiro di sollievo che dura un secondo, fino all'entrata del secondo visitatore. Attenzione: ci chiede dov'è la sezione "Crime".
Sospensione del tempo tipo Matrix mentre cerchiamo la risposta più intelligente e non sembrare solo due italiane col sorriso stampato.
A mo di miracolo, udiamo una voce che indica la via: il nostro habitué è accorso in salvo; grazie.
Da quel momento tutto assume l'emozione della scoperta e l'inizio della confidenza: accogliamo una coppia americana, la racconta-storie di Wigtown che regala abbracci, un'insegnante di Manchester che ha deciso di trasferirsi qui, un giornalista, la mamma di tre bambini, di ritorno con la famiglia da Haworth, luogo di nascita delle sorelle Brontë. Per troppo tempo, ci dice, ha rinunciato alla letteratura.  

L'incontro più suggestivo di oggi rimane però quello con Rosemary, la proprietaria dell'edificio: da quel momento mi risulterà impossibile, nel parlarle, non pensare a La signora in giallo. Quindi lo so già, verso di lei proverò una simpatia perenne.
Rosemary ci presenta una troupe televisiva sudcoreana che sta girando l'Europa per creare un documentario sui paesi delle librerie. Scopriamo così che domani toccherà a noi presentare The Open Book, la nostra libreria. Wow.

Il primo giorno ci accoglie con la tradizionale pioggerellina scozzese, che non c'impedisce una mini visita della nostra piccola Twin Peaks e ci lascia proprio così, emozionate, a chiederci se davvero non siamo capitate sul set di un vecchio, intrigante telefilm.






Nessun commento:

Posta un commento