#thesleepyhamlet

giovedì 9 agosto 2018

ULLAPOOL CHRONICLES: THE BOOKSHOP




Questo post lo dedico ad un incontro con una donna speciale: Marÿke Gossens. Viene dal Belgio. Entra per cercare libri sulle "Scottish Folk Tales" o qualsiasi cosa che abbia a che fare con miti, leggende celtiche e tradizioni scozzesi. Finisce per comprare cinque testi. Di mestiere fa la raccontastorie (il corrispettivo di "storyteller", ma è talmente bella la parola italiana...). Sta girando la Scozia per trarre ispirazione ma è rimasta un po' delusa nel non aver trovato molti posti in cui le persone s'incontrano per tramandarsi racconti. Le consiglio di provare ad andare sulle Ebridi esterne, le isole di fronte ad Ullapool, dove esistono piccole comunità raccolte che funzionano ancora come un tempo.

Maryke racconta soprattutto storie di donne, forti e coraggiose, in un progetto che ha chiamato "Wise Women Stories": le racconta nelle scuole, nei musei, nei parchi. Rimango stupita quando mi dice che indossa sempre un vestito a quadretti bianchi e rossi, la cui gonna è talmente enorme da diventare una tovaglia gigante da pic-nic, su cui adulti e bambini si siedono per ascoltare le sue meravigliose narrazioni. Che bella rappresentazione di un legame.
Oggi la incontro per strada e mi dice che era passata in libreria per consigliarmi un libro, perché nel leggerlo le ero venuta in mente: "If Women Rose Rooted", sulle infinite connessioni tra donne e Natura, scritto da Sharon Blackie, che attualmente vive sull'isola di Lewis. Quando arrivo in libreria, scopro che mia ha lasciato anche un biglietto.

Ciao Marÿke, "storyteller of 1001 tales". Riporto qui l'indirizzo del tuo interessante sito: http://www.1001tales.be/  
Se ti capita di leggere, ti auguro buon viaggio e sempre una storia in più da raccontare, che possa ispirare chiunque ti ascolti. 

giovedì 2 agosto 2018

ULLAPOOL CHRONICLES: THE VILLAGERS







ANDREA

Andrea viene dalla Svizzera, Sam è scozzese di Ullapool. Si conoscono in Australia e si lasciano i rispettivi contatti. Si rivedono per la prima volta in Scozia dopo nove anni e non si lasciano più. Nel giro di poco hanno un bambino (Cassian), si costruiscono una casa nei boschi delle Highlands (perché Sam fa il boscaiolo) con vista sull'oceano-lago e lì, tra le meraviglie degli alberi, hanno creato anche dei giochi per bambini; così quando vai a trovarli non puoi che immergerti nella natura. Io appena posso attraverso Ullapool dall'alto e li raggiungo, per un caffè o per stare nel bosco.
Andrea fa l'ostetrica. Oggi ho scoperto che ha anche la passione per il cucito. La conosco ad un corso di danza in uno dei miei primi giorni qui. Sorriso irresistibile. Insieme rispolveriamo l'italiano che dice di non ricordarsi ma parla bene quanto il tedesco. Una settimana fa l'avevo invitata per un piatto di pasta ma me n'ero dimenticata quindi ha portato tutto lei: pesto fatto in casa, parmigiano reggiano, cioccolata svizzera. Pratica, di compagnia, amante del vivere in libertà e della sua famiglia. Io l'ho trovata anche molto attenta agli altri, e questa cosa me la fa piacere sempre di più. Quando meno me l'aspetto spunta in libreria per un saluto e mi rallegra la giornata.

Il primo dei due libri che sceglie è un testo che ha cambiato completamente il suo punto di vista sulle cose. Di Jean Liedloff, sulla riappropriazione dei legami naturali tra genitori e bambino,in seguito ad un'esperienza dell'autrice in una tribù di Indios. 
Il secondo, che lei definisce "la quintessenza di tutto", è il libro che l'ha portata a diventare un'ostetrica. Ha avuto occasione di ascoltare l'autore, il chirurgo Michael Odent, parlare ad una conferenza l'anno scorso e lo ha trovato illuminante.

Grazie Andrea, per avermi fatto ritrovare un po' di Europa in queste lande scozzesi, e per avermi mostrato la bellezza di far crescere un bimbo in totale sintonia con la natura.  

giovedì 26 luglio 2018

ULLAPOOL CHRONICLES: THE BOOKSHOP

Vicky and Tony's garden


Si chiamano Vicky e Tony Schilling. Si conoscono trent'anni fa ai Royal Botanic Gardens di Londra (Kew Gardens): lei accompagnava la sua classe di studenti, lui era uno dei curatori del luogo. Lui ha addirittura un tipo di rododendro che porta il suo nome. Quando cominciano a  lavorare insieme sono talmente bravi da diventare i botanici anche del giardino di Linda e Paul McCartney, che definiscono persone squisite. Quest'ultimo scriverà l'introduzione al libro di ricette tradizionali che Vicky ha raccolto nel corso della sua vita. Il titolo del libro è talmente lungo che non se lo ricorda neanche lei. Sempre insieme, Vicky e Tony si trasferiscono ad Ullapool per godersi la pensione. La loro casa, situata in una bellissima zona residenziale nella parte alta, è contornata da un giardino selvatico e colorato che si affaccia sull'oceano, e fa bene al cuore. Raggiungerli per l'ora del the nel loro cottage di poltrone, lucine e ampie finestre è stato come entrare in un disegno. Vicky è un'assidua frequentatrice e sostenitrice della libreria, ed è stato un piacere immenso ricevere il suo invito.
Devo dire che da quando sono rientrata in paese dieci giorni fa, ho sempre cenato a casa di o con qualche abitante: questa è la mia idea di comunità.
Altro bellissimo incontro è stato quello con Ziggy, avvenuto a seguito di un evento letterario in libreria. Ziggy era un ingegnere, sposato. Fotografo esperto, anche. Sette anni fa segue il suo sentire e si trasforma in donna. I due anni che gli rimangono alla pensione decide di trascorrerli in giro nel suo van, per il mondo. Ed è così che capita in libreria. E mi trasmette, per averli vissuti, i dettagli di una battaglia contro i pregiudizi, che devi combattere quando fai qualcosa di "sconvolgente" in un paesino (inglese) e ti ritrovi solo. Due dei tre libri che compra hanno a che fare con la politica scozzese e sono titoli interessanti: McSmorgasbord e Poverty Safari- sulle condizioni di povertà nel Regno Unito. Oggi mi scrive dal Norfolk che il primo libro gli è piaciuto.
A me piace sempre di più stare tra questi gioielli di carta, invece, ed esplorare le infinite connessioni umane che creano.  




  

giovedì 19 luglio 2018

ULLAPOOL CHRONICLES: THE VILLAGERS


MELANIE

Dopo le vacanze riapro la rubrica del giovedì sugli abitanti del mio paesino scozzese con lei, Melanie, conosciuta anche come Miss Motivator, che organizza corsi di danza e fitness per le inarrestabili "ragazze" di Ullapool. Penso di non averla mai vista ferma per più di dieci secondi.
Attivissima su Facebook nell'organizzazione delle lezioni e nel richiamo delle sue adepte, Melanie si presenta con due libri:
1. Confessions of a Shopaholic di Sophie Kinsella (autrice che lessi, scettica, in Erasmus con la febbre a 40 sotto consiglio della mia amica indiana. Ricordo di aver riso un sacco e che la febbre mi passò, quindi la consiglio.)A Melanie piace perché lo considera "funny" e "light-hearted", e confessa di essere "a bit of a shopaholic".
2.  The Secret di Ronda Byrne, testo che indaga la filosofia dell'autostima e la "legge di attrazione" nella vita.

Ad Ottobre Melanie salirà su una nave da crociera (che non sa dove la porterà) per lavorare come personal trainer; lei spera in un posto caldo,e io glielo auguro, perché l'inverno nelle Highlands è affascinante quanto difficile da affrontare. Speriamo però che torni presto perché le signore del corso di ballo sono già preoccupate... 



giovedì 21 giugno 2018

ULLAPOOL CHRONICLES: THE BOOKSHOP

A corner of The Ceilidh Place Bookshop

È 
bello come si guardano certe persone che sono insieme da una vita. Ne incontro due con una bellissima coppia di nomi: Judith e Duncan; mi ricordano un'opera di Shakespeare o comunque un background inglese. Vengono qui tutti gli anni e lei la definisce una libreria unica. Prende tre libri e fa notare a suo marito che ne poteva prendere quattro ma è stata brava e ne ha lasciato giù uno. Lui sorride, tranquillissimo. Ci mette circa quarantacinque minuti a scegliere un libro ma quando arriva alla cassa Judith gli ricorda che a casa ce lo hanno già (sottovoce mi dice che glielo aveva regalato lei per il compleanno passato ma lui si è dimenticato).

Nella settimana che celebra le librerie indipendenti è stato piacevole incontrare anche Ishbel Holmes, una ragazza per metà iraniana e per metà scozzese che dal 2014 gira il mondo in bicicletta assieme al suo cane (www.facebook.com/Worldbikegirl/, se vi interessa seguirla). Sta scrivendo un libro sul suo viaggio che verrà pubblicato a breve. Nei posti che le piacciono si ferma tre giorni. Ad Ullapool è rimasta quattro.  

giovedì 14 giugno 2018

ULLAPOOL CHRONICLES: THE VILLAGERS


Debbie 

Un mese fa è arrivata lei, a lavorare in libreria, con la sua simpatia e quel modo di riuscire a socializzare anche con i clienti più ostici: Debbie, che qualcosa da dire lo trova sempre. Di cognome fa MacKenzie, ha lavorato al Museo di Ullapool, crea partecipazioni matrimoniali che vende benissimo nel suo negozio su Etsy. Ma soprattutto, di una spontaneità estrema, tanto che a volte faccio fatica a trattenere l'ilarità che mi provocano le sue parole e il modo in cui le dice. Appena tornata da una crociera a Miami che mi ha descritto per filo e per segno, la mitica Debbie è stata tra le promotrici di Eleanor Oliphant is Completely Fine che si è letta, appunto, in vacanza - suggerimento azzeccatissimo.

Il suo libro preferito è Captain Corelli's Mandolin del britannico Louis de Bernières. Quando le chiedo perché mi risponde: "because, in the middle of everything's going wrong, you still find love". A me piacciono le risposte semplici, che spesso rispecchiano le persone che le pronunciano. Lei è una romanticona, così che la storia d'amore su un'isola greca durante uno degli stermini della seconda guerra mondiale non poteva che farla sognare. 


giovedì 7 giugno 2018

ULLAPOOL CHRONICLES: THE BOOKSHOP


Musicisti all'inaugurazione dell'isola Tanera Mòr, Summer Isles





I fine settimana di Ullapool sono scanditi, in questo periodo, dalle inaugurazioni delle diverse Summer Isles (isolette dell’arcipelago), eventi che raccolgono la comunità e ai quali non manco di presenziare. Quattro, invece, gli incontri che hanno segnato la vita della libreria:
-          Laura. Viene da Lancaster e per più di vent’anni è stata libraia. Adesso lavora nella biblioteca dell’Università. Il suo autore preferito è Stefan Zweig, che utilizza anche come criterio per misurare la qualità di una libreria; lei entra e va direttamente a cercare nella Z. Qui lo ha trovato e non ci poteva credere. Da quel momento, nel corso degli anni, è sempre tornata. Dice che è l’unico posto con testi che non hanno neanche nella biblioteca dell’Università. Siamo rimaste in contatto.
-          Una signora anziana che entra e mi dice: “So solo che è un libro uscito questa settimana con la copertina rigida (hardback), me l’ha consigliato un’amica. Il nome dell’autore è qualcosa con ‘Olly’. Mi lancio e chiedo: “Non è per caso ‘Eleanor Oliphant is Completely Fine”, dell’autrice scozzese Gail Honeyman?” E le mostro il libro. Contentissima, annuisce. Più contenta io, per la gioia di aver soddisfatto una richiesta e messo in pratica le conoscenze acquisite in questi mesi. Decido di cominciare il libro, e lo consiglio a tutti. Lettura “leggera”, divertente e sarcastica: la vita quotidiana di una trentenne british con un passato che le ha plasmato la mentalità. Bestseller nel Regno Unito in questi mesi.
-           Un signore, che compra tre libri di poesia. Quando entra la moglie per informarlo che ha trovato un posticino in cui pranzare lui confessa: “Ho comprato dei libri”, nel goffo tentativo di nasconderli sotto la giacca. Lei ride e mentre esce dice “Oh Gosh! Again”. Penso ad un simpatico scambio di ruoli.
-          Una simpatica donna che mi consiglia “Passage to Juneaux” di Jonathan Raban, raccomandatole da un passeggero su una nave verso il Canada. Lei molto dubbiosa, si è ricreduta. Me lo illustra perfettamente e le chiedo: “Are you a teacher?”No, I just like being bossy”. Il marito annuisce col sorriso.

Last but not least, l’arrivo della mia nuova collega: Debbie. Mi riservo di presentarla la prossima settimana nella rubrica del giovedì ma vi prego di non perderla perché è un personaggio da conoscere assolutamente. E non potrà che piacervi.