#thesleepyhamlet

sabato 14 aprile 2018

LA TUA LIBRERIA: LUCA

"Lo studio serio e la pratica dell'agricoltura dovranno condurre gli uomini sul retto sentiero della fratellanza, dell'uguaglianza e della libertà (...) so che più spesso parlerò al vento. Ma anche le piante affidano al vento i loro semi, supremo scopo della loro vita. Non tutti i semi saranno dispersi, basta che solo uno trovi un ambiente propizio..."

- Tito Schiva, Mario Calvino: un rivoluzionario tra le piante (1997)



"RIGORE SOGNANTE"

Che bella espressione usa il lettore di oggi! Gliela rubo, per definire la sua libreria. Ed ecco Luca, un altro personaggio che, già sapevo, non si sarebbe limitato a mandarmi una foto e tre titoli. L'accuratezza è nella sua indole. Fa parte della mia vita da sempre, quindi anche dei miei ricordi più belli. Condivido un aneddoto: un'estate, in campeggio con la parrocchia. Seduti ad ascoltare la messa in mezzo ad un prato di montagna. Sulle sue dita si posa una farfalla; poi un'altra e un'altra ancora. La sua mano sembrava un dipinto di colori. Io a Luca penso sempre così: un ragazzo elegante nella Natura, che lui ama, e dalla quale è ricambiato. La sua passione non poteva che diventare un mestiere: lo definisco un esperto botanico ma forse mi sgriderà per l'espressione che uso; sorridendo, però. Con gli occhi al cielo e sbuffando allegramente, con la sua lungimirante ironia. 
A te la parola:

La mia libreria è l'esatto specchio del mio rigore accademico intriso delle mie passioni. Un austero e compatto rigore sognante, anche strutturalmente. Puoi infatti trovare la Bibbia tra i libri di cucina e le guide del Touring Club. Le riviste di giardinaggio ne occupano un intero ripiano, intervallate però alle monografie dei grandi artisti del Novecento come Campigli piuttosto che Balla. L'indissolubile legame con la terra natia è testimoniato dalle biografie dei grandi personaggi che, come Francesco Agazzotti, hanno fatto del valore della terra Emiliana la loro ragione di vita. I romanzi in realtà sono la vera lettura. Storie di sentimenti e soprattutto di persone. Non serve la fantasia o l'invenzione per sognare. Basta guardarsi intorno, magari immersi in un verde giardino, rigorosamente selvaggio.

I suoi tre libri:

1. L'ERBA CANTA 
Doris Lessing (1950)
Un attualissimo spaccato di quanto sia difficile per la natura umana accettare le diversità. Un intreccio complesso di limiti e pochezze umane dinnanzi ad una natura sconfinata. 

2. MARIO CALVINO, UN RIVOLUZIONARIO TRA LE PIANTE
Tito Schiva (1997) 
La biografia di un grande personaggio che grazie alla sua curiosità e passione ha dato un forte impulso alla floricoltura italiana, e che con l'autore stesso ha influenzato la mia vita.

3. IL CATINO DI ZINCO
Margaret Mazzantini (1994)
Puro e toccante sentimento senza sentimentalismi. Una spregiudicata e semplice realtà.

Luca, che dire? Ti sei descritto e commentato da solo attraverso le tue scelte; scelte che sprigionano profondità, cura e delicatezza; non solo per piante e fiori ma anche per l'animo umano. Grazie di avermi ricordato il Nobel Doris Lessing, che da tempo avevo in mente di leggere. 

Nessun commento:

Posta un commento