#thesleepyhamlet

giovedì 3 maggio 2018

ULLAPOOL CHRONICLES: THE VILLAGERS

"Love her but leave her wild."

- Harper Lee, To Kill a Mockingbird (1960) 


 




FAE

Non doveva essere lei la protagonista di oggi ma, si sa, scombinare i piani è una cosa che mi viene benissimo. Poi come fai quando l'estetista del villaggio ti dice che il suo libro preferito è "To Kill a Mockingbird/Il buio oltre la siepe" e tatuata sulla coscia ne ha una bellissima citazione? In uno scatto di euforia ci alziamo in piedi insieme, lanciamo un gridolino di gioia e per un pelo non ci abbracciamo. Ci tratteniamo, immagino, perché siamo in negozio ed è la seconda volta che ci parliamo. Fae, 33 anni, due figli, originaria di Leeds. Dopo tredici anni di andata e ritorno da Ullapool per lavori stagionali decide di trasferirsi ufficialmente in paese e da due anni ha aperto il suo piccolo salone. In queste zone è tutto adorabilmente tinyI suoi genitori, anche loro qui, gestiscono il Ladysmith House, un delizioso Bed & Breakfast bianco e blu. Fae ama cucinare e mi confessa che il suo piatto forte è la "Carbonara", soprattutto da quando un ospite italiano del B&B dopo un "no,no,no" nel vedergliela preparare, ha insegnato a lei e alla famiglia come si cucina quella vera. 

Mi rallegra sempre scoprire cose inaspettate sulle persone; quindi grazie a Fae per le condivisioni e per in venti minuti del mio ritardo all'appuntamento.  

Nessun commento:

Posta un commento